Zuccheri residui

ndr testo edificante che circola pericolosamente nella posta elettronica. Stavo per cestinarlo, poi – più per stanchezza che per curiosità – gli ho dato un’occhiata. Scrostando lo strato zuccheroso (abbondantissimo) della retorica ci si può trovare almeno un discreto senso vinoso. Visto che i testi alterati sono perlopiù a pH basso, un po’ di zuccheri residui qua e là tendono a riequilibrare. Lo pubblico contro l’esplicito parere negativo del mio dentista. F.R.

Un professore stava davanti alla sua classe di filosofia e aveva davanti a se alcuni oggetti.
Quando la classe incominciò a zittirsi, prese un grande barattolo di maionese vuoto e iniziò a riempirlo di palline da golf. Chiese poi agli studenti se il barattolo fosse pieno e costoro risposero che lo era.

Il professore allora prese un sacchetto di ghiaia e la rovesciò nel barattolo di maionese. Lo scosse leggermente e i sassolini si posizionarono negli spazi vuoti, tra le palline da golf.
Chiese di nuovo agli studenti se il barattolo fosse pieno e questi concordarono che lo era.

Il professore prese allora un altro sacchetto pieno di sabbia e la rovesciò nel barattolo, aggiungendola al resto; ovviamente la sabbia si sparse ovunque al suo interno.

Chiese ancora una volta se il barattolo fosse pieno e gli studenti risposero con un unanime “si”.
Il professore estrasse quindi due bicchieri di vino da sotto la cattedra e aggiunse il loro intero contenuto nel barattolo, andando così effettivamente a riempire gli spazi vuoti nella sabbia.

Gli studenti risero.
“Ora”, disse il professore non appena la risata si fu placata, “voglio che consideriate questo barattolo come la vostra vita. Le palle da golf sono le cose importanti: la vostra famiglia, i vostri bambini, la vostra salute, i vostri Amici e le vostre Passioni; le cose per cui, se anche tutto il resto andasse perduto e solo queste rimanessero, la vostra vita continuerebbe ad essere piena. La ghiaia rappresenta le altre cose che hanno importanza, come il vostro lavoro, la casa, la macchina… La sabbia è tutto il resto: le piccole cose.
Se voi mettete nel barattolo la sabbia per prima, non ci sarà spazio per la ghiaia e nemmeno per le palle da golf.
Lo stesso vale per la vita: se spendete tutto il vostro tempo e le vostre energie dietro le piccole cose, non avrete più spazio per le cose che sono importanti per voi.

Prestate attenzione alle cose che sono indispensabili per la vostra felicità: giocate con i vostri bambini, godetevi la famiglia ed i genitori fin che ci sono; portate il vostro compagno/a fuori a cena… e non solo nelle occasioni importanti! Dedicatevi a ciò che amate e alle passioni, tanto ci sarà sempre tempo per pulire la casa o fissare gli appuntamenti. Prendetevi cura per prima cosa delle palle da golf, le cose che contano davvero. Fissate le priorità… il resto è solo sabbia”.

Uno degli studenti alzò la mano e chiese cosa rappresentasse il vino.
Il professore sorrise: “Sono felice che tu l’abbia chiesto. Serve solo per mostrarvi che non importa quanto piena possa sembrare la vostra vita: ci sarà sempre spazio per un paio di bicchieri di vino con un amico”.

About these ads

2 commenti to “Zuccheri residui”

  1. Rivoltante nella sua appiccicosità. Proprio per questo rimarrà in tutti i libri di lettura, anche internettiani, nei secoli. Se lo facessi leggere a mio figlio diventerebbe astemio.
    Non si salva nessuno, né il professore, unico nella sua categoria professionale ad essere felice e sorridere, né gli alunni, unici nella loro categoria a rispondere “sì” unanimamente. Manco le palline da golf imbarattolate.

    F.R. naturalmente scherzo. E’ un raccontino edificante che se girasse per scuole anglosassoni provocherebbe l’intervento degli assistenti sociali, a causa della scarsa correctness inneggiante all’alcol.

    Adesso buttiamo via il barattolo, le palline da golf, la ghiaia e la sabbia e teniamoci i bicchieri di vino, uno per te e uno per me.

    • Aveva ragione il mio dentista a tentare di dissuadermi: a poche ore dalla pubblicazione ho già delle fitte a qualche molare inferiore; “vadi” per i due bicchieri, purché a questo punto si tratti di un Riesling tedesco affilato come un rasoio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...