Mejo parla’ de vino

Osteria romana

di Snowe Villette

Er messaggio de ‘sti tempi nun è chiaro, che ce dovemo fa piace’? Da che parte stàmo? Er penziero nostro è coretto?
Mejo parla’ de vino, perché er resto è peggio.
Come te movi a ddì quarcosa sbaji de sicuro.
Se sei omo nun te sogna’ de entra’ ner discorzo dee donne ostracizzate.
Se sei omo etero poi statte zitto der tutto.
Se sei donna etero, chiara de pelle e puro cristiana nun ce penza’ a cammina’ verbalmente ner campo seminato dee mine che se chiamano “razza” “gender” “religgione”.
Se sei boomer lassa popo perde’, se sa che la colpa è sempre daa tua generazzione, dar pianeta morente aa disoccupazzione, passando pee consumismo avariato.
Quinni DuCognomi pe’ na volta cià da zittasse.

Toccherebbe a me, che so’ ggiovane, ma me manca d’esse tutto er resto necessario paa correttezza de parola.
Ce vorrebbe n’Alterato transex, cablinasian*, fijo orfano de madre giudea e de padre alcolizzato, studioso daa Thorah, figlioccio de Nelson Mandela, discepolo de Angela Davis, cor telefono der Dalai Lama, ex combattente daa parte povera e giusta, poi pacifista, ecologista vegano che nun se lava dar 1999, e manco così andrebbe bene a quarcuno.

Pe’ evita’ aa paralisi delle idee mejo focalizzasse sur vino, che puro se è fijo de n’atto politico è sempre quarcosa dde bbòno. Inzomma… nun ppe tutti, se aggira er Verbo profetico che nun importa se è bbòno, cià da esse’ etico, si no nun vale.
Ciò da spicciamme, er Solito Coso viene domenica a pranzo da mi’ madre. Se tratta daa Presentazione ufficiale a Corte.

Tutto er condominio aspetta. Mi’ zia de Roma Nord che nun se degna manco per Papa, scende ar Sud apposta ppe vedello e giudicallo. La cuggina Jose vie’da Genzano cor marito e fijo militare in licenza, coredata dar pane de lì e la porchetta d’Ariccia che fa le veci daa aperitivo. Er verdumaio, er pizzicagnolo, er vaccinaro so’ allertati da giorni. Fogli anonimi co’ ricette paa lasagna o i maccheroni sbucano da sotto la porta de casa.
Le anziane de casa so’ vaccinate ma er farmacista je fa er tampone lo stesso, pe’ pagallo basta na tegliata d’avanzi che tanto ce saranno de sicuro. A mi’ madre e mi’ zia quanno cucinano così nun je bastano le vanghe pe’ distribbui’ er cibbo.

Er compito mio è de scejie er vino.
Quello pe’ mamma e zia che so’ de gusti semplici ma tracannano daa mattina appena se mettono ai fornelli subbito dopo er caffellate.
Quello da stappa’ colle bolle che fanno fizzzzz prima de sversasse sur tavolino der salotto, sennò che se festeggia’ a fa’.
Quello pei parenti de li Castelli che je piace robusto e rosso e straniero – cioè de nascita fòri dar Lazio -.
Quello de fine pasto, per tiramisù, che cià da esse’ Asti Spumante cor mar de testa incorporato, ma fa rutta’ co’ soddisfazzione.
Più quarcosa dde bbòno e giusto per Solito Coso che mo cià le crisi mistiche da illuminato sulla via der Bio.
Più na consolazzione pe’ mme che so già che sarò seduta su ‘na corona de spine.
Più er Limoncello aperto a Natale du’ anni fa e mai finito che m’ero stramazzata prima.

Dopo lungo penza’, me so’ fatta na lista:
pe’ mi’ madre e mi’ zia er brik de tre litri dee Pecorino abbruzzese che cià ancora l’anima daa pecora drento, que par de goccetti che te servono de mattina presto prima de inforna’ l’abbacchio.
Na boccia de Prosecco daa etichetta umana e no troppo de moda pe’ festeggia’ colla porchetta prima de accomodasse a tavola. Grida vendetta alli dei, ce lo so, ma serve pe’ sgrassa’ e dissala’ li palati famigliari.

Na boccia de Valpolicella Superiore pe’ li parenti che je piace er vino esotico.
Na boccia de Langhe Piemonte idem come sopra che quelli beveno a sfasse e una sola bottija nun je basta.
Na boccia Trebbiano Spoletino fàmolo strano pe’ Solito Coso che je sistema lo stommico pella pennica.
Na boccia de Sangiovese toscano, puntuto e scontroso come me piace perché me ricorda l’umore de DuCognomi ai cambi de staggione.
Cinque boccette mignon de Asti Spumante vinte coi punti daa Lidl, solo pe’ li parenti. Solito Coso e la sottoscritta passano a ‘sto giro.
Na mezza boccia dee passito siculo, da bere de nascosto io e lui se c’arrivamo interi a fine pasto.
Er tutto a bugget contenuto.

Ora me comincio a fa’ treining autoggeno, meditazzione trascendentale, respirazzione transomerica**. Già me sento nelle recchie “Più je menavo e più Nutella se magnava de nascosto”, “Grazie a te ha ricominciato a vestisse da donna”, “Pella Prima Comunione ha dovuto confessasse otto volte” “Nun sa coce n’ovo, ma l’appetito nun je manca”.
Me sa che prima de domenica er livello dee Limoncello s’abbassa come quello dee ghiacci ar Polo Nord.

* Misto de razze: caucasica-afroamericana-indiana-asiatica. Definizione provvista da Tiger Wood.
* Nun so che vor ddi’, ma sòna bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...