29 settembre 2016

Sagre & Fiere – 7

keaton2

Rubrica di informazione convegnistica
a cura di Federico Maria Sardelli

Fra oggi e domani dovrebbe – se va bene – inaugurarsi con lo scoppio d’una gigantesca pentola a pressione costruita sulla sommità del Monte Menefreghista, la bella Sagra Dello Scoppio Della Pentola A Pressione. Se tutto va bene gli organizzatori preventivano una stima di 65/70 feriti più un bel centinajo buono di grandi ustionati per via del minestrone rovente che ivi da cinque giorni ribolle a temperature insopportabili per chiunque. Gli stands della Sagra, costruiti a bella posta tutt’intorno alla sommità del monte, consentono a tutti i visitatori indistintamente di poter godere dalla stessa distanza gli spaventosi effetti dello scoppio che, si prevede, dovrebbe avvenire verso l’ora di punta. Continua a leggere

27 settembre 2016

Una lunga vicenda di buon gusto

pellico

Frecciarossa e il Riesling nell’Oltrepò Pavese

di Armando Castagno

In Oltrepò Pavese la storia del Riesling Renano è piuttosto risalente. Per la verità, il disciplinare consente oggi di realizzare la tipologia “Oltrepò Pavese Riesling” anche utilizzando, in tutto o in parte, il cosiddetto “Riesling Italico”, che con quello Renano pare avere in comune soltanto il nome, e che oltre a non avere un decimo del carisma d’insieme e delle risorse aromatiche del primo non può averne nemmeno la tradizione, essendosi diffuso molto più tardi. A onore del vero, in zona di Riesling Italico ce n’è sempre stato: prendendo ad esempio la produzione dei Riesling d’Oltrepò di mezzo secolo fa esatto, che annovera tra le aziende produttrici la Cantina Sociale di S. Maria della Versa, Compagnoni, Madonna Isabella dell’ingegner Giulio Venco, la Tenuta Il Casale del Duca Denari, la Montelio della famiglia Mazza, e ancora Saviotti, Bagnasco, Morini, i Conti Dal Pozzo, la Tenuta di Nazzano, Achilli, Guasti, Valadè e molti altri, si nota in quasi tutti i casi la presenza dell’Italico nell’uvaggio. Continua a leggere

22 settembre 2016

Henri Jayer e i crimini impuniti

jayer

di Fabio Rizzari

Dieci anni fa più o meno esatti, il 20 settembre 2006,  se ne andava Henri Jayer, vignaiolo borgognone già abbondantemente deificato in vita. Figuriamoci a che livello è arrivata oggi la sua santificazione, con la cascata di confettura agiografica che hanno fatto colare sul suo nome dai quattro angoli del pianeta.

Per capire l’attuale situazione jayeriana vediamola dal punto di vista sentimentale, cioè da quello dei soldi. Una sua bottiglia di Cros Parantoux (di una delle annate rare, a cominciare dal 1978) costava un lustro fa sui 5.000 euro, che è pure una bella sommetta; attualmente ne vale 50.000, dieci volte tanto. Per non parlare del suo Richebourg, capace di superare nelle aste degli iper-ricchi i prezzi stellari della stessa Romanée Conti. Continua a leggere

20 settembre 2016

Scherza coi fanti e lascia stare i Chianti

chianti-classico-fine-del-400

di Armando Castagno e Fabio Rizzari

Parafrasando il celebre Gianfranco Vissani, che in un’antica videocassetta del secolo scorso parlando della cucina di pesce esordiva esclamando“Il pesce è una cosa immenza”, noi possiamo tranquillamente affermare che il Chianti Classico è una cosa immensa. Talmente immensa che la seguente degustazione non ha alcuna pretesa di a) completezza et esaustività; b) coerenza assoluta tra vini di pari annata e sottozona.

Si tratta più semplicemente di un assaggio estemporaneo di alcune decine di Chianti Classico di recente produzione. Estemporaneo, ma condotto con tutte le accortezze che una degustazione tecnica richiede: temperatura controllata, bottiglie rese anonime, batterie suddivise per tipologia. Per mettere un po’ di pepe – ma non certo di salsa Worcester – nell’insieme, abbiamo poi infilato di straforo alcune bottiglie di altre aree, anche non toscane. Il risultato è il seguente (per ogni vino le prime note sono castagnesche, le seconde rizzariane): Continua a leggere

15 settembre 2016

Ad ogni costo

spari

di Raffaella Guidi Federzoni

“Costa troppo.” Due parole che cadono nel silenzio freddo di un ristorante chic a Miami. Silenzio perché siamo assorti nella degustazione del mio vino principale e freddo perché l’aria condizionata è sparata a mille come sempre da queste parti.

“Costa troppo.” A pronunciarle è un ragazzo sbarbato di fresco, snello e con un’onda di capelli folti e scuri ben sistemata sulla fronte liscia. Un ragazzo italiano, che lo possino!

“Costa troppo.” ha detto, lanciando un’occhiata complice al suo diretto superiore, il quale sta lasciando proprio in questi giorni le redini delle decisioni di acquisto ad uno stronzetto che potrebbe essere mio figlio, ma meglio di no, perché nel caso sibilerei “non dire idiozie”, serrando le mani per non mollargli uno sganassone. Continua a leggere

31 agosto 2016

Inchiesta sul brutto e lo spregevole dei vini autostradali a marchio V.A.F.F.A. / F.A.N.GU.L.U.

Gas
di Gae Saccoccio
In nuce
La faccenda è presto detta. Un intellettualino patetico attraversa il belpaese in macchina al solo scopo di esplorare i vini d’Autogrill a certificazione VAFFA.
Incontrerà a illuminargli l’autostrada la Signora FANGULU, strati e strati di pellicce di Grizzly (Ursus arctos horribilis) sullo stomaco. 
Malinconia da maniaco depresso, inconcludenza complottarda, piagnisteo, negatività, sfiga e impotenza del primo contro slancio vitale, tenacia spietata, cinismo ottimista, capacità d’adattamento e successo imprenditoriale della seconda sono gli umori, le grammatiche emotive e i timbri espressivi dei personaggi che collocano questa ricerca sociale infame sul campo dell’indagine quotidiana della microfisica del Potere. Due facce d’una stessa medaglia in ambito delle sofisticazioni del gusto e della massificazione dei beni di consumo: l’Italia dei Vini Autostradali Falsamente Falsi Autentici

Continua a leggere

23 agosto 2016

Praesidium, argine solitario

bevitori

di Giampero Pulcini

[L’8 febbraio 2014 si è svolta a Prezza la prima verticale completa del Montepulciano d’Abruzzo Riserva Praesidium, in seguito all’accoglimento della mia richiesta in tal senso da parte della famiglia Pasquale.
A Enzo, Antonia e
Ottaviano, intensamente partecipi all’incontro, e alla signora Lucia, autrice di un pranzo memorabile, rinnovo il ringraziamento per un’accoglienza disarmante.
Il pezzo che segue, scritto a caldo, nonostante il tempo trascorso conserva
l’attualità dei racconti che riguardano le persone perbene. G.P.]

Corriamo vie laterali ad altissime increspature di roccia, desti dal tocco di una muta potenza. Gli occhi puntati nell’aria linda, dritti a spargere sguardo su orizzonti spettacolari.
Pare di volare benché ogni cosa suggerisca di tener fermi i piedi per terra: qualcosa di familiare tende dal calore delle strette di mano, dalla sincerità di parole semplici e chiare.
Non è casa, no, ma poco ci manca. Continua a leggere

9 agosto 2016

Il Profumo di Domani (confeffione allo fpecchio)

Geisha (4)
di Gae Saccoccio

“Un giorno di agofto di fettantuno anni fa tutte le mie “f” divennero “effe”… infomma, fatemi fpiegare con calma e capirete. Avete prefente una marca di fhampoo e faponette (+ Fole – Notte) che riportava ftampato fulle confezioni l’immagine di un bel forcetto forridente, i denti biancolatte fmalianti, lo fguardo vivo affamato d’illufioni, i lineamenti regolari, il mufetto precifo-precifo e fimmetrico da indoeuropeo/afiatico? Ecco, quel mocciofetto fono io! O meglio ero io quando m’hanno fcattato quella foto lì che avevo appena fei anni, ora ne ho fettantafette, fono paffati fettantun’anni da quel fottutiffimo giorno d’eftate: era il Fedici Agofto Millenovecentoquarantacinque e chi fe lo può più fcordare.

Continua a leggere