3 luglio 2020

Altezzosighenzia

di Snowe Villette

Er Marchese der Grillo ce lo ha imparato che ce stanno li pochi che so’ qualcosa e li molti che nun so’ gnente. Continua a leggere

10 giugno 2020

Un dialogo del 2020

(d’après R. Queneau, A. Breton, et al.)

di Armando Castagno e Faro izbaziri

In un periodo di 1) degustazioni a raffica, 2) degustazioni alla cieca e 3) interviste a raffica, l’Accademia degli Alterati ha ritenuto di dar corso a un revival di sintesi, che era quanto mancava per completare il chiasmo: 4) l’intervista alla cieca. Continua a leggere

8 giugno 2020

Vinum et circenses

di Raffaella Guidi Federzoni

Il Gregge va di moda. Vuoi che sia a proposito del contagio e della relativa immunità di massa, vuoi che sia a proposito di credere ciecamente a certe notizie. Vuoi che si tratti di movimenti comuni verso quella che sembra la strada principale del fare e dell’agire. Continua a leggere

22 maggio 2020

Perché?

di Shameless

“Perché?” Accidenti a quel microfono che il suo intervistatore maneggiava come una clavetta da palestra. Lo aveva piazzato troppo vicino e lei esitava a rispondere per evitare di sputazzarlo. Continua a leggere

13 maggio 2020

Tana libbera tutti

di Snowe Villette

Adesso che se stanno a apri’ li cancelli me viè quasi lo spliin de cui parla quer poeta che nun me ricordo come se chiama, ma l’ho studiato. Continua a leggere

11 maggio 2020

Annebbiamente/svelamente

di Faro Izbaziri

In una vecchia intervista che ho letto quando egli era ancora vivo, Jorge Luis Borges rispondeva alla domanda finale: “come pensa verrà ricordato?” con un freddo: “voglio solo dimenticarmi, essere dimenticato”. Continua a leggere

4 maggio 2020

Il vino nuovo

di Fabio Rizzari

Il vino giovane ha questo pregio: non è vecchio. Continua a leggere

10 aprile 2020

Ancien Régime


di Raffaella Guidi Federzoni

“Esito, ma solo per un momento.” Così cominciava la mia traduzione di un articolo apparso su Decanter la primavera del 1995 che parlava dei vini di Biondi Santi.
Tutti Brunello di Montalcino Riserva, assaggiati in degustazione a partire dall’annata più vecchia, il millesimo 1945, per una selezionata dozzina di fortunati. Continua a leggere