Archive for aprile, 2017

24 aprile 2017

Roma mi fé

di Snowe Villette e Raffaella Guidi Federzoni

Dopo l’urtima cacca de cane, pestata ner mentre cercavo un posto pe’ magna a San Lorenzo, me so’ chiesta n’artra vorta “Che ce sto a fa’ qui?”. “Qui” inteso come Roma, città immortale, unica e irripetibbile (meno male pell’ irripetibile, che una ce basta e c’avanza puro). “Ce sto” ner senso che ce giro tutti li giorni e pe’ fallo ce metto na fatica bestiale, pe’ parcheggia’ che nun se trova un buco de posto che sia uno, pe’ pjà er busse che ariva quanno je pare e se je pare, che la metro nun serve le zone indove che devo d’anna’, e pei marciapiedi che sembrano zone de guera e se nun pesti na cacca te rovini la cavija drento na buca.

read more »

15 aprile 2017

Tentennamenti

15 aprile 2017

Paquito mi ha dedicato un toro

15 aprile 2017

Sei fatalista, pessimista o esistenzialista?

15 aprile 2017

Tuo nonno era un criminale

15 aprile 2017

Esoso

Cinquant’anni oggi dalla dipartita – esclusivamente fisica – di Totò.
Qualche lampo di luce celebrativo negli Alterati.

 

5 aprile 2017

Quant’è bella giovinezza, che si fugge tuttavia

di Raffaella Guidi Federzoni

L’ultima volta che ho pensato “stronza!” di una donna è successo di recente, quando un’affascinante signora indiana, proprietaria e conduttrice di un ristorante italiano sito nella zona ricca di una ricca città americana del South West, alla mia domanda “Cosa cerca nel Rosso di Montalcino?” mi ha risposto “Brunello” con un radioso sorriso di scusa.

La signora sì che se ne intende, non è una novellina, ha un palato raffinato e ben educato. La signora compra ed apprezza il mio vino, per questo mi trovavo lì, per farle assaggiare le nuove annate appena arrivate su piazza.

read more »

3 aprile 2017

Totò degustatore (“comunque…”)

In occasione del cinquantenario della dipartita di Totò – insieme a Dante, Leonardo, Caravaggio, Leopardi, Gadda nume tutelare degli Alterati – l’Accademia pubblicherà a cadenza irregolare alcuni frammenti del suo genio. Rubricandoli astutamente nelle due categorie presenti da tempo, “frammenti del genio italico” e “Totò”.