In Contea

Osteria romana 1800

di Snowe Villette

DuCognomi me fa “Sabato andiamo alle trincee”,
“Eh?!”
Prima de chiama’ aa neuro che ce lo so che quanno arriva l’attufo* l’amica mia sbarella, je risponno “Che stai addi’?”
Segue un momento confuso, dopo di che le trincee diventano contee e tutto se fa chiaro.

Sto posto sur cucuzzolo dee colline ar confine fra Toscana e Lazio un tempo era tutto un vulcano che poi s’è sbriciolato e coi millenni, na briciola dopo l’altra, se so’ formati li terreni perfetti da racconta’ ar pubblico enocurioso dee Terzo Millennio.

Er luogo ha generato poca ggente, ma de quella bbona, come er tipo fornito de barbetta trendi che ce sta a spiega’ tutto-tutto, l’amico suo cespujato de chioma che parla poco e l’artro che se chiama Albero e che sta zitto ma nun passa inosservato. Una storia d’amicizzia e de natura, anche de vino.

Ppe falla breve Barbetta, Cespujio e Albero se so’ messi insieme a valorizza’ er vino der posto, e siccome ognuno de loro campa de altro se possono permette’ de tratta’ la materia come Obbi – divertissement direbbe DuCognomi che je piace fa’ la poliglotta -. L’uva la pijano da chi jela dà, un par de filari qui, n’artra dozzina là, poi la voce se sparge e mo so’ intasati de robba bianca e rossa.

La cantina è drento ar tufo che qui regna sovrano, tre o quattro stanzette una appresso all’artra “Siamo in Borgogna” dice l’amica mia accarezzando le pareti umide e muffate, nun c’è mai stata ma je piace fa’ la spiritosa. Nun sarà Chambolle-Musigny, però l’ambiente te dà er senso der vino der Villaggio. Ce stanno damiggiane, ce sta l’acciaio de dimensioni modeste e ce stanno un par de barrique, de quelle serie. Zero anfore, nun servono, ce pensa er tufo adda’ la botta de antico.

Cespujio cià spillato daa barrique tre dita de vino rosso, fresco, asciutto, svejio e pimpante. Er profumo è quello dee boschi de qua, ppe gnente sconnesso, anche er sorso cià tutto apposto. Se capisce che ce stanno le mano de quarcuno che s’è imparato a fa’ er vino ignorante ma no anafalbeta.

C’è da ddi’ che prima c’eravamo scofanate de agnello fritto, l’osteria* de qua cià na Cuciniera coi controcazzi, e quinni ce sentivamo satolle, soddisfatte e ben disposte pel maschio in generale e er Maschio Vinoso nello specifico.
Finito er giro de cantina, salutato i tre più n’infiltrato arrivato daa Capitale, ce sèmo appennicate.

Dopodiché è cominciata la seconna manche, DuCognomi nun se sa bene come era giurata seria-serissima-anche probabile pella disfida serale. Ner mezzo daa strada centrale, davanti all’Osteria, se so’ giocate le sorti de na ventina de vini de garage, forniti dai nativi
N’evento mitico, atteso da folle daa New Wine Generation che cià le palle piene de vini fatti bene e basta, conosciuti, raccontati puro troppo, istituzionali, dar sesso definito e sicuro.

La Giuria a dilla tutta nun era New manco pe’ gnente, ma famo finta de sì. Barbetta & Co s’erano fatti er culo a pagnotta de paese a sistema’ tavoli, panche, mascherare le bocce, tenelle ar fresco.
Er Presidente eletto daa congrega ha messo tutti in riga, punteggi in centesimi e peggio pettè se sai contare solo fino a dieci.

I nativi se stavano a diverti’ de brutto, messi ai lati, coi regazzini che magnavano er gelato, le nonne a scambiasse storie su Barbetta & Co da pischelli e chi lo avrebbe mai detto che ora erano così famosi. A li facitori der vino giudicato, de età da venti a centoventi anni, mezzi seduti e mezzi in piedi contro li muri de tufo, se leggeva la tenzione dar bodi lenguagg.

Io m’ero sistemata alle spalle de DuCognomi pe’ sbircia’ li appunti, nun m’ha filato de pezza tutta la sera che ciaveva da cazzeggia’ a destra-a sinistra-davanti.

Barbetta & Co hanno versato senza spreca’ na goccia der prezzioso nettare nativo. I giurati hanno scritto, commentato, daa faccia dee l’amica mia se capiva er punteggio:
ciofeca totale
semi ciofeca
bevibile
bbòno

Cé da di’ che tutti li vini ciavevano l’anima. Anche quelli che l’amica mia ciaveva scritto appresso: urina de cavallo, marmellata de fragole lasciata sur fòco troppo a lungo, ruggine daa vanga de fèro.
Tutti nòvi daa ultima vendemmia. Anche se molti nun ce sarebbero arrivati all’autunno, adesso se potevano bevere colla ciriola e la mortazza senza stramazza’.
Pochi erano bbòni sur serio, però bastavano a facce capi’ che da le parti dee Contee er vino è de casa e de cantina.

Ma ce vòle la testa dura de ggente come Barbetta & Co pe’ stanallo de lì.
La Giuria dopo du’ ore de sorsi e sputazzi s’è riunita in conclave, mentre fòri hanno montato lo schermo paa partita. Er conclave ha fatto in fretta, ciavevano tutti na fame daa miseria. Er Presidente che ce sa fa’ anche come sciomen ha proclamato i vittoriosi. Tutti so’ stati contenti, specie er Numero Uno che l’anno prima era arrivato Numero Ultimo, perché le Disfide cambiano, come pel vino dipende daa l’annata.

Poi s’è magnato, Premio Speciale Daa Giuria a l’Acqua Cotta che così bbòna ciavevo ancora da imparallo. So’ arrivate dee bocce serie o che facevano finta d’essello, s’è ripresentato l’agnello fritto, ancora caldo e croccante.

DuCognomi s’è storta appena quando la Giovane Promessa daa Wine Communication americana ha declamato “Sentori pronunciati di banana” alzando le narici dar vino che de tutto odorava meno che de quello.
La stessa Giovane Promessa l’amo vista la mattina dopo a fa’ colazzione tutti insieme e l’antipatia è diventata se non proprio amore, almeno amicizzia. Du’ ore pe’ bere du’ caffè e magnasse er cornetto, nessuno aveva voglia d’alzasse e anna’ via, perché ce se stava bene, anzi meglio, naa strada principale de’ sto sputo de Contea.

Viva l’Italia
L’Italia con le bandiere, l’Italia nuda come sempre
L’Italia con gli occhi aperti nella notte triste,
Viva l’Italia, l’Italia che resiste.

(La Disfida delle Contee 2021, San Giovanni delle Contee, Sorano, Grosseto)

* Osteria Maccallé

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...