Cronaca di una presentazione alterata, con un paio di ignoramenti finali

di Faro Izbaziri

“Noi siamo della stessa stoffa di cui sono fatti i gessati”
F. Shakespeare*

Dopo una trattativa di soli sedici mesi con il non pareggiabile Maestro Sardelli, si è trovato un accordo su data, luogo e termini legali per la presentazione romana del maraviglioso Carteggio Borzacchini/Sardelli da poco edito per i (bei) tipi della Casa Editrice Erasmo: 23 maggio 2017, alle 17, presso il rinnovato e scenografico Mercato Centrale Roma. Sono occorsi solo mille e sei incalzamenti su whatsapp per raggiungere tale prestigioso traguardo organizzativo.

Traguardo che ha tuttavia mostrato un paio di limiti: la scelta dell’orario (da un commento di un utente di Facebook informato dell’evento: “sono estremamente contrariato all’idea che voi un ciavete una sega da fa e quindi ci siete e io no”**) e la scelta della data, che ha coinciso con la blindatura della città da parte delle forze dell’ordine a causa di una concreta minaccia terroristica: l’arrivo del nuovo presidente degli Stati Uniti.

La suddetta blindatura, oltre che del tutto inutile (come ha acutamente chiosato poche ore prima Michele Foresta: “tanto, con tutti i controlli, le zone rosse e gli sbarramenti, Trump alla fine riuscirà a entrare lo stesso in città”), si è dimostrata nociva per l’esercizio del libero arbitrio di chi aveva intenzione di essere presente.

Caprina, Rizzari, Sardelli, Castagno

 

Risultato: i convenuti non sono stati folla, come sarebbe stato normale in orari serali e in date più tranquille, ma pochi; pochi però buoni. Essi si sono goduti un pomeriggio dominato dalle contrazioni addominali per le risa (rysa nella lectio difficilior del Sardelli). Va annotato – per essere meno enfatici e più cronisti – che il pubblico, formato per circa l’85% da livornesi, era chiaramente prevenuto.

Il banco dei convegnisti contava: in rappresentanza dell’iilustre Sodalizio Mvschiato il Maestro Sardelli e il suo sodale storico Stefano Caprina, detto Capras; in rappresentanza della confraternita ospite degli Alterati, Fabio Rizzari e Armando Castagno; in rappresentanza dei Genio Guastatori dell’Esercito, Ettore Visibelli, amico d’infanzia del grande Borzacchini e relatore dalle temibili doti oratorie.

Complice il vino presente, offerto con generosità dalla Fattoria dei Barbi nella figura dell’Alterata Raffaella Guidi Federzoni (Brunello di Montalcino 2012) e da Bibi Graetz (Soffocone di Vincigliata 2014), ci si è subito mossi con agilità lungo l’asse semantico carteggio/cazzeggio.

Sodali mvschiati

 

Sarebbe impossibile ricostruire il reticolo di agudezas e di rimandi golardici dell’incontro; e del resto una fredda trascrizione notarile ne spegnerebbe la forza evocativa. Come piccolo assaggio, fiammella della luce accecante dell’evento, basti la riproduzione del supremo testo parodistico che il Borzacchini dedicò a suo tempo ai degustatori di vino, in perfetta prosa gaddian/veronellian/breriana:

Prima del regolamentare esercizio finale degli ignoramenti – stavolta particolamente impegnativo dato il numero dei ginnasti coinvolti – i sodali mvschiati hanno reso doveroso omaggio alla memoria del sommo Borzacchini con l’ostensione del suo prepuzio, sotto formalina in una piccola ma suggestiva teca officinale.

Lvca Boccoli, il Brunello e il bicchiere alterato

 

*Fausto Shakespeare (1588-1620), cugino primo del ben più famoso e celebrato Emiliano (1588-1700), a sua volta lontano parente del ben più famoso e celebrato William (1564-1616)

**Luca Canapicchi, fumettist, Fisar sommelier (cfr Luca Santini, “La mia bacheca personale su Facebook”, 2017)

***ringraziamenti finali – veri e non proforma – per il supporto a:
– Luca Boccoli, enologo ed enofago illustre di Settembrini e della Selezione Luca Boccoli omonima nel Mercato Centrale Roma
Mercato Centrale Roma, giustappunto
Casa Editrice Erasmo
Fattoria dei Barbi
Bibi Graetz
Goldplast (per gli scenografici bicchieri personalizzati con il logo degli Alterati)

Ignoramento finale à 10 n.1

 

Ignoramento finale à 10 n.2

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...