La prima vocazione dell’uomo

di Fabio Rizzari

L’aspetto più sordido dell’uomo – e ce ne sono molti – è che ha una spinta insopprimibile a distruggere la bellezza. Musicisti, pittori, poeti si affannano a cercare di mitigare l’orrido bilancio dello sterminio del bello. Ma è la sproporzione tra una bottiglia d’acqua e l’Oceano Indiano.

Di tutta la bellezza residua del pianeta, la tigre è la più stupefacente, ipnotica, sublime. Un uomo, a suo paragone, è uno stecco anchilosato; purtroppo dotato della nociva capacità di elaborare protesi e manufatti più o meno letali.

Sorprende quindi che nel 2018 esista ancora qualche migliaio di tigri. Ma niente paura: la cieca determinazione dell’uomo nel desertificare il mondo impiegherà pochi anni, o forse mesi, a completare l’opera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...