Oh yeah

Enzo

di Raffaella Guidi Federzoni

Quelli che beata te che stai in campagna ed hai un sacco di tempo libero. Quelli che tuo marito che dice che sei sempre a giro. Quelli che le Fiere sono tutti mercifici. Quelli che i giornalisti sono tutte meretrici. Quelli che le guide no. Quelli che i punteggi sotto al 90 fanno paura. Quelli che i vini naturali puzzano. Quelli che i vini convenzionali avvelenano. Quelli che l’aveva già detto Pasolini. Quelli che non frequentano. Quelli che frequentano solo le cantine-salotto. Quelli che l’hanno letto in un libro. Quelli che hanno nostalgia del mondo contadino. Quelli che hanno fede cieca nella tecnologia. Quelli che non assaggiano alla cieca. Quelli che sputano e mancano la sputacchiera. Quelli che degustano solo le Riserve. Quelli che si riservano di pronunciarsi.

Quelli che la vendemmia è già decisa a luglio. Quelli che comprano solo le vendemmie pluristellate. Quelli che credono alle stelle. Quelli che hanno la luna storta e non imbottigliano. Quelli che la merdina nobile della Borgogna. Quelli che gli idrocarburi della Mosella. Quelli che per prima cosa ti chiedono chi è il tuo enologo. Quelli che le annate migliori le hai prodotte vent’anni fa. Quelli che hai le viti troppo giovani. Quelli che hai le botti troppo piccole. Quelli che perché il tuo vino sa di burro. Quelli che ti consigliano di piantare syrah in bassa Maremma. Quelli che sempre e comunque un 5% di petit verdot nell’uvaggio. Quelli che va bene ma potresti fare di più. Quelli che è strano che il tuo vino sia proprio buono. Quelli che è un’eccezione che tu sia brava e pure bona.

Quelli che come mai i ricarichi esagerati delle enoteche. Quelli che le liste dei ristoranti firmate a scatola chiusa. Quelli che fanno i campioni del mondo. Quelli che sono sempre i primi in classifica. Quelli che se ne tirano fuori. Quelli che dichiarano ufficialmente. Quelli che le loro frasi sono state male interpretate. Quelli che il vino lo vendo a chi mi pare.
Quelli che c’è sempre dietro qualcosa di poco chiaro. Quelli che sarà la magistratura a decidere. Quelli che solo i piccoli. Quelli che stanno lì da troppo tempo e non se ne vogliono andare. Quelli che ancora gli puzza la bocca di latte e vogliono scrivere di vino.

Quelli che l’accento milanese di Jannacci era troppo snob. Quelli che l’accento romanesco di Califano era troppo burino.
Quelli che se scrivi e fai ridere sono solo cazzate.
Oh yeah.

Annunci

4 commenti to “Oh yeah”

  1. Quelli che frequentano corsi di “avvicinamento al vino”.
    Quelli che “annusano” i contenitori per il vino di 2000 anni fa.
    Quelli che frequentano corsi (inutili) e si sentono al top.
    Quelli che comprano vini en primeur e poi gli danno 99/100.
    Quelli che comprano i vini da 99/100 e si rendono conto che valgono 0.
    Quelli che anche col raffreddore captano sentori incredibili.
    Quelli che dopo cena festeggiano stappando una bottiglia di prosecco

  2. Quelli che se non metti almeno un 5% di merlot nel Sangiovese e un’altro 5% di caberbet s. non sei nessuno.

  3. Quelli che si sono dimenticati delle vittime del metanolo nel vino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...