Longe alius

di Giampaolo Gravina
Nel motto latino degli alterati, longe alius, lampeggia a mio avviso un dispositivo che mostra la sua validità non solo in riferimento alle vicissitudini del degustare vini, ma il cui funzionamento rimanda più in generale allo statuto stesso della percezione, chiamando in causa la sua considerazione filosofica.

In particolare, un intenso richiamo al “longe alius” compare nella Fenomenologia della percezione, fondamentale studio dedicato al problema della percezione dal filosofo francese Maurice Merleau-Ponty (d’ora in avanti: Merlot) noto fenomenologo di formazione bordolese. Leggendo questo imprescindibile testo pubblicato nel 1945, ci si imbatte a un certo punto (a pag. 52 della mia vecchia traduzione per Bompiani) in questo passaggio cruciale:

«Se cammino su una spiaggia verso una nave arenata e il fumaiolo o l’alberatura si confondono con la foresta che delimita la duna, vi sarà un momento in cui questi dettagli si congiungeranno vivamente al battello e si salderanno con esso. A mano a mano che mi avvicinavo non ho percepito somiglianze o prossimità che infine avrebbero riunito in un disegno continuo la sovrastruttura della nave. Ho soltanto sentito che l’aspetto dell’oggetto stava per cambiare, che qualcosa era imminente in questa tensione così come il temporale è imminente nelle nubi. A un tratto lo spettacolo si è riorganizzato dando soddisfazione alla mia attesa imprecisa».

Cosa ci insegna questa parabola? Cosa ci guadagniamo a sapere di un tizio in cammino su una spiaggia che scorge in lontananza il relitto di una nave arenata? Qual è la posta in gioco di questo “longe alius”? Io la metterei così: il filosofo Merlot, che si conferma particolarmente a suo agio sui terreni sabbiosi, ci suggerisce un ripensamento profondo delle nostre convinzioni sul funzionamento del dispositivo della percezione. E ci ricorda, tra un bicchiere e l’altro, che la percezione rinvia sempre a un campo, a una rete, a un contesto di relazioni, a una configurazione già almeno parzialmente organizzata, formata e strutturata, a un orizzonte di senso già da sempre all’opera.

Nella percezione, stando alle parole del filosofo Merlot, dobbiamo fare i conti con la problematicità del sentire, con il suo «alone di mosso», con la sua ambiguità. Nella percezione l’unità dell’oggetto ci è possibile coglierla solo «a un tratto», senza preavviso, fondata come è «sul presentimento di un ordine imminente», su una «vaga inquietudine». Nella percezione l’unità della cosa non è costruita per associazione ma, in quanto condizione dell’associazione, precede gli accertamenti che la determinano e la verificano: «precede se stessa», precisa Merlot (che in tema di anticipo sui tempi, anche vendemmiali, sembra saperla lunga).

E insomma nella percezione non solo “longe alius”, da lontano è un altro, vino compreso. Ma a ben guardare anche da vicino …

Annunci

One Comment to “Longe alius”

  1. Il filososo Merlot, dopo 15 anni di cantina, cominciò ad usare la parola iniziazione per descrivere il momento in cui lo spettacolo si riorganizza risolvendo quella “vaga inquietudine”, come l’apertura di una nuova dimensione che non può più essere richiusa e rispetto alla quale ogni altra esperienza sarà, da quel momento in poi, riferita. Ecco perché non potremo più confondere l’aberatura della nave con la foresta sullo sfondo.
    Mi chiedo quale sia la giusta distanza da percorrere per iniziarsi all’Alterità, per chi come me, passando da Merleau al Merlot, ancor più irrimediabilmente si abbandona ad un esser-costantemente-altro-ve.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...