A bocce ferme e vòte – terza e ultima parte

 

Vinitaly big party

di Snowe Villette

Fuori Orario Uno e Due

Pe’ na vorta nun me so’ fatta fregà. DuCognomi e l’artra finta spudorata se so’ smazzate li giorni dee fiere e io me so’ tenuta le notti. Due. Così è se vve pare, sennò smettete de legge’ che avemo già scritto pure troppo.

La Notte Numero Uno è cominciata de sera.
Se trattava daa cena de li sovversivi, fòri daa città, nella piatta-piatta-tera-de nisuno. Io stavo a penza’ che ce faceva na villa de signori così ner mezzo ar gnente e a quante zanzare ce campavano pe’ generazioni, prima d’emigra’ a Pomezia. Poi l’amico romanista de DuCognomi, quello che nun se pettina mai perché nun cià bisogno, m’ha detto “zitta, nun ce famo riconosce’”. Così ce semo messi a chiacchera’ co quarche produttore de quelli che ce credeno davero.

Intanto nun se faceva pari a conta’ le mozzarelle de bufala, burrate, salami e formaggi e ‘nduja che se sdraiavano sui tavoli. Ce semo messi a sede, noi sudisti. Er Pelatista* e la Capra Ricciuta colle donne loro bionne e belle e bone (bone pe’ dì pazienti). Quell’artro calabrese che me confonno sempre er nome cor cognome. Co’ pure i vini loro, ancora mejo.

Me cominciavo a rilassa’, guardando un sacco de facce famose, pure er cineasta rivoluzionario. E tutti contenti sur serio, c’era no spirito de complicità e de comune sentire che me sembrava de sta’ ar circolo der quartiere mio.
Poi… hanno cominciato co’ quarche discorzo.

Vabbé, me so’ detta, è giusto, ringraziano, e io so’ a casa loro. Quinni, co’ tutti vortati ad ascoltare, me so’ ripulita na vassoiata de ‘nduja che quanno se ne so’ accorti ce so’ rimasti male, ma era troppo tardi. Nun è che la Capra Ricciuta ce stesse proprio attento alli discorzi, me sorvejava tutto quello che magnavo. Pe’ svejamme dar torpore me sono arzata pa’ annà a saluta’ l’amica de DuCognomi, quella colle sopraccije famose. Ner mentre c’arrivavo, hanno cominciato coi canti georgiani.
Er primo, er seconno, ar terzo me so’ stramazzata.
Come di’, nun proprio n’anfora de risate.

M’era venuta voja de salì sur tavolo fra le n’duje e le bufale e d’ intona’ “ROMA, ROMA, ROMA, CORE DE STA CITTA’!” Ma er Pelatista m’ha zittito co’ na cucchiaiata de risotto nelle gengive.
La notte me so’ sognata er cineasta rivoluzionario che me proponeva de fa’ un firme neorealista dar titolo “La vigna trema”. Me sa ch’era la ‘nduja che se ripresentava a chiede’ er conto.

La Notte Numero Due è stata l’apoteosi. Ciavevano invitato alla festa de na famija sicula de gran signori. Drento a un palazzo de gran signori veneti. Piena de gran signori e gran signore. A magna’ e beve tutti come assatanati, ma sempre gran signori. Intanto che me contavo quanti se chiamavano uguale de cognome, me so’ ripulita tre piattate de cassata fatta dalla Zia Marina, anch’ella gran signora.

Ce stava tutto er monno der convenzionale vinoso, più qualche frangia de sovversivi, più quelli che te fanno campa’ sur serio perché er vino te oo comprano, più na rappresentanza de quelli che scriveno e assaggiano e criticano e mai na vorta che se stanno zitti.

Dopo magnato, tutti a balla’.
Drento na specie de cantina, colla musica antica che piace a DuCognomi, quella ’80 e ’90 (quanno è partita “I will survive” de Gloria Gaynor, so’ partite anche parecchie dentiere nostalgiche!).

Ahò! E quanto avemo ballato. Tutti i centocinquantasette membri daa famija ospite, er presidente dell’associazzione sicula vinosa e vignaioli isolani sparsi, nun li batteva nisuno a ritmo, energia e voja de divertisse. Notevole anche aa coppia spumeggiante dej ambasciatori sciampagnisti. I sovversivi der centroitalia se teneveno de più, c’avevano paura de compromettesse naa tana der nemico. Pe’ fortuna che ce stava er Barone Rampante tosco-romano, na molla d’uranio puro, de quelle che nun se scaricano mai.

I blogghisti facevano casino e basta, come sempre. E meno male che c’era la bionna Famme Fatale a tenelli tranquilli.
Se ciò da da’ un premio per er mejo ballerino/a, quello maschile va ar Dark Boy der vino italiano, ma solo perché c’ha provato a fasse fa’ un bondage da DuCognomi, scalza e scatenata.

Er premio femminile lo vince na tipa che m’era piaciuta subbito, co’ le braccia variopinte de tatuaggi e la grinta da lap dance me sembrava sorella de coattaggine. Poi l’amica mia m’ha detto che è una delle mejo degustatrici a giro e ho penzato “se degusta bene la metà de come balla nun c’è ciccia pe’ l’artri!”.

Quanno alle due hanno cominciato a tirare fora le salme, noi resistenti a tutto semo annati ar solito posto ar centro, dove anche alle quattro de notte ce sta sempre un gruppo de disperati che nun mollano. DuCognomi aveva da tempo superato er punto de NON Ritorno. Pe’ nun fasse manca gnente, dopo esserse rimessa ee scarpe s’è erta in tutto er suo un metro e settantacinque, ha lanciato come un frisbi l’encicloped…ehm, lista de’ vini rilegata in pelle e pesante na cifra e mezzo, massacrando un par de bicchieri.
C’è stato mezzo seconno de silenzio, l’audience aspettava er seguito.

Er seguito, puntuale, è arrivato.
Na lezzione sur tanga e derivati, applicata all’anatomia femminile. Grazie alla prestazione di due ampi e volonterosi calici, facenti funzione de chiappe, l’amica mia ha dimostrato come l’indumento intimo femminile è più scomodità che piacere. Gli astanti se so’ esaltati colle ultime energie residue.
Quanno semo state scortate ai tassì dall’enologa asburgica, era quasi l’alba. Dopo tre ore ce toccava de nòvo anna’ in fiera, ma chissenefrega, quella festa e quella notte saranno ricordate.

Pe’ finì aa digressione sproloquiante che tanto li miei risicati lettori ce so’ abituati, vorrei dì che in quei giorni ho assaggiato na cifra de’ vini, boni, bonissimi e ottimi. Pe’ nun scontenta’ nisuno, nun scrivo li nomi, cianno penzato tutti da tutte le parti der monno blogghe.

Nisuno ha osato scrive de’ quello de cattivo che ha bevuto.
Lo faccio io.
Er liquido peggio der peggio, che sarà pure bbono poo stomaco, ma pe’ resto è na ciofeca massima, è er CENTRIFUGATO DE FINOCCHIO. Abbiate cura delle budella vostre, artrimenti in futuro ve toccherà de berlo pure a voi.

 

* Pelatista = Pelato + Romanista

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...