Tutto un magna magna

di Snowe Villette

Quanno è gennajo a DuCognomi je viene er bluus e quinni me porta aggiro pe’sentisse meno sola. Anche stavorta come du’ anni fa semo annate verso er cul… , vojo di’, er limite der monno: cioè a Calgary, stato di Alberta, ner Canada occidentale. Ce tocca n’anno sì e uno no, quarche vorta sèmo state servagge la notte, tanto che voi fa’ a Calgary a gennaio a parte fa’ la servaggia che quelli de lì poi dicheno “Ah the Italian Women!”

A sto ggiro no, sèmo state mansuete come pecorelle, a letto presto la sera dopo le maratone a versa’ er vino ai nativi. Così la mattina all’alba ero già sveja e ciavevo puro un po’ de fame.
Pe’ vince la noia de contempla’ DuCognomi dormiente, che me toccava aspetta’ lei pella colazzione, so’ scesa più mattine ner sottosuolo dell’albergone-one-one, indove ce stava la fitness room. Chi viaggia per monno lo sa che vordì, e chi sta a casa se ne frega, quinni nun me perdo a spiega’ er significato de fitness room. Na cammera de tortura o de gioia, dipende.

Pemmé più aa prima daa seconna, ma so ggiovane e me adeguo. Inzomma, me so messa sulla cyclette, come di’ l’ho voluta la panzetta e ora me tocca smaltilla a forza de pedalate. Nun me riesce mai de cammina’ sur tappeto rollante, è er primo che te occupano, puro alle cinque de mattina ce sta già quarcuno che ce corre sopra manco ciavesse er pepe ar culo.

A me me toccava accanto sempre na tipa anoressic…, ehm, snella e asciutta. Ciaveva du’ tronchetti de legna de montagna ar posto de li stinchi, du’ rosette* vecchie de na settimana ar posto dee’ sise. Na faccia da sorcetta, ma de quelle che è mejio avelle amiche e spera’ che nun je piaccia er lavoro tuo o l’omo tuo, pecché se no so cazz.., ehm, guai. Er tipo che te se magna e poi sputa l’ossi puliti daa ciccia senza smette’ de core sur tappeto rollante.

Pe distramme e nun penza’ a quanti minuti ce mancavano paa fine daa pedalata me so messa a guarda’ la televisione. Da tutti i centoquarantacinque canali ho selezzionato quello der cibbo (fud ciannel), tanto pe metteme de buonumore.

Ahò, ce so annata tre mattine appresso a fa’ la cyclette solo pe’ vedemme quello che se magneno le ggenti dellà! Sempre co’ quella che correva a spompasse.

Ce sta sto programma che se chiama quarcosa come “Ve consijo de veni’ a magna’ qui”, l’omo che consijia cià er fisico ar quadrato, ma puro l’artri che magneno lì so’ uguali.

Che vordì fisico ar quadrato?
Sta a significa’ più largo che alto, più comò che armadio pe’ intendese. Cor cassetto più granne che je fa da bocca, perché pe’ magna’ cosi ce vòle na bocca peggio de quella der lupo che s’è ingollato nonna.
L’Omo Quadro gira er paese annando a scova’ li peggio posti, quelli più trucidi, da ggente de strada che nun cià na lira ma cià na fame atavica. Li posti dove te siedi, ma anche no, entri che sei vestito da cantina ed esci che sei vestito uguale, ma pieno de patacche de unto e grasso. Però te sei sfasciato de schifezze e lo dici tutto fiero all’Omo Quadro.
Nun ce se crede quello che magnano questi, robba da ricovero, da lavanda gastrica, da sfreggio alla fame ner monno.

Ma me sto a dilunga’ troppo, pe’ strigne ve propongo na ricetta tipo. Poi me dite.

Se pija un budello pieno de ciccia e chissàcchè, la misura è quella der pisello der toro quanno è attivo, anche se li se chiama hot dog, se vede che cianno i cani XXXL, come le majette. Se coce er budello preventivamente, mejo un po’ de più che de meno, che sappia più de carbonella che de carne, me raccomanno.
Bello abbruscato lo si adagia ner mezzo de na specie de canottone de pane bianco tajiato a metà e sparmato de buro.

Sopra ce se mettono nell’ordine: mostarda, checciapp o come se scrive, maionese. Nun se tratta de pennellate, ma de spruzzi come quelli dee bombolette da schiuma pe’ fasse la barba.

Dopo le sarse tocca aa cipolla cruda, messa ai fianchi der budello, bei pezzettoni turgidi. Pe’ nun fasse manca’ gnente ce se mette puro l’avocado, che er verde ce sta sempre bene, li peperoni crudi e poi quer che v’è rimasto ner frigo da venerdì: porpette, lattuga sfiorita, er pesce che ancora nun puzza troppo, i ceci daa pasta e ceci. La trippa no, quella sarvatela. Er tutto coperto da formaggio de pura plastica triturata.
Colle manone che ve ritrovate strignete er panino – “ino” se fa’ peddì – e cercate de ficcavvelo drento le fauci senza sbrodolavve troppo.

Pe’ beve de stanno du’ scelte: secchio de bira dar colore e sapore de piscio avariato o catino de cocacola cor ghiaccio. Entrambe ve servono pe’ sturavve quer lavandino che ciavete ar posto doo stommico.
Dopo pe’ butta’ fòri aria uscite ner cortile sennò i condomini ve menano.

La prima mattina de sto spettacolo ar minuto diciotto daa pedalata il mio “Bleah, che schifo!” nemmeno tanto sottovoce ha causato no scompenso ner passo daa tipa accanto che m’ha guardato piuttosto incazzata. Poi ha sussurrato “sshhhh!”.

Eddunque, mentre DuCognomi russav…, ehm, dormiva beata, io so’ annata avanti a pedala’ pe’ tre albe, stregata daa visione de tutti i possibbili modi de cucina’ extrasize nei posti dove “Ve consijo de veniì a magna’ qui”.

L’urtimo giorno la tipa accanto m’ha sorriso storto, come a di’ “ormai lo so chi sei e ti perdono la panzetta, la pedalata lenta e i commenti ad alta voce.” M’era venuta voja de chiedelle che se magna lei pe’ esse’ così denutrit…, ehm, snella, ma poi ho visto che se guardava la Cienneenne o come se scrive, co’ tutti i morti ammazzati de casa loro e la faccia de Trumpe, e me so’ zittita.

Alla fine de tutto sto esercizzio so’ annata a fa’ colazzione co’ DuCognomi e me so’ spolverata na vassoiata de bacon (l’ho scritto bene? me sembra de sì) e ova belle strapazzate e burrose, tanto pe’ sentimme parte de sto monno nòvo de là.
Poi quanno so’ tornata a casa, la prima carbonara m’è sembrata quasi troppo scarsa. Quasi.

  • Tipologia di pagnottina di pane, anche conosciuta come “michetta”.
Annunci

One Comment to “Tutto un magna magna”

  1. Leggendo il pezzo ho avuto dei flash che mi ricordavano il Sardelli. Soprattutto la descrizione del panino. Ma poi mi sono detto… è un Alterata. Ecco il tratto comune. Credo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...