Pelouovismo

di Snowe Villette

Er monno dove vivo è griggio e faticoso, se colora vivace solo quanno me trovo co’ DuCognomi.
Oddio, dipende.

Pe’ ddi’, ieri sera se stava a magna’ inzieme drento un posto de quelli che na vorta te se inchinavano se annavi a cena lì, te portavano la zuppa cor dito drento, er quartino de vino de vetro spesso come er bicchiere senza gamb…, ehm, stelo che nisuno se sognava de chiamallo calice. Il conto era scarabbocchiato sur fojetto quadrettato daa scòla elementare. Un posto pe’ portacce nonna e zia che magnavano solo pasta e ceci che li denti sopravvissuti nun je permettevano altro.

Ora è uguale, ma te tocca aspetta’ un par d’ore si nun hai prenotato e nun ce sta na nonna ner raggio de dieci chilometri quadrati.
Ce stanno coppie o doppie coppie o tris single o full d’assi daa conoscenza enogastronommica.

Ce sta gente che rompe li cojioni perché SA e te deve fa’ sape’ che sa anche se stai a du’ tavoli de distanza e te voj fa’ li cazzi tua.

Nun è che capita solo ner locale neorustico der quartiere periferico. Succede puro nei posti da trecento euro a botta, vino escluso. Ristoranti de lusso colla tovaglia fina e un ex servo daa glebba che se chiama sommelier pagato pe’ ditte cosa devi bere, così te risparmi la fatica e bevi mejo. Anche lì ce sta sempre er Coso Pelouovista che cià da commenta’ e contraddi’ chiunque se sogni de mostra’ de sape’ quarcosa più de lui.

Ner caso specifico de ieri sera se trattava der vino artiggianale che la regazza serviva ner quartino singolo o doppio. Vino rosso scarico ma pe’gnente stanco, vispo e un po’ fijo de mignotta come se conviene alla tipologgia.

“Ecco signori, questo vino prodotto a XXX in piccolissime quantità, non è affinato nel legno, solo in cemento. La maggior parte della produzione viene venduta sfusa.”

Parole d’oro per Sor Pelouovista che s’è rivolto all’umile platea pe’ paura che se distraesse a magna’ e beve’ e basta.

“Il produttore fa i travasi a luna calante, poi ulula riti vodoo per ingraziarsi gli spiriti benigni. Solo 44 bottiglie prodotte, il resto le vende in damigiane da cinque litri fabbricate dalla vetreria YYY”.
La regazza ha mollato la mezza litrata der vino ululato sur tavolo e s’è data sorridendo, coi piedi rivolti all’indietro.
Co’ DuCognomi se sèmo guardate e amo continuato a beve’ pe’ dimenticare.

Er Pelouovismo è na malattia infida che se ripresenta quanno je pare. Tipo alla settima ora de degustazzione ar banchetto, che voi solo mori’ svitandoti li piedi e ciai er polso destro che t’ha mannato a di’ che nun ja fa più e invece arriva Coso Pelouovista co’ quarcuno appresso (cià sempre bisogno dell’audience) e te comunica a raffica l’inclinazzione daa collina der vigneto tuo e che se sente già ar naso lo scisto-er gesso-er basalto-la sabbia mesopotamica e che l’ultima annata bevuta era mejio perché ar cantiniere nun je puzzavano li piedi.

Tu je fai sì-sì-sì colla capoccia e speri che si levi dai cojioni, ma lui insiste coi sentori tipici di ferro e fuoco perché fuori pioveva e tu je domandavi se aveva ancora quella foto in cui sorridevi e nun guardavi.

Me chiedo se li ommini e le donne malati de Pelouovismo sanno che vor di’ sta simpatici. O semplicemente gode’ daa vita così com’è e no come je sembra.

Me chiedo e me risponno, e la risposta è esatta.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...