Il senso dell’inafferrabile


di Raffaella Guidi Federzoni

Sono quasi trent’anni che il vino occupa la maggior parte del mio curriculum professionale. Tre decenni spesi a conoscere, imparare, costruire un patrimonio di nozioni ed esperienze che oggi mi rendono serenamente consapevole di quanto poco ancora ne sappia. La limitata capacità degustativa regna sovrana fra le mie fallacie.

Per fortuna che mi si chiede soprattutto di vendere il vino alle migliori condizioni e di farmelo pagare. Ciò non toglie che la spinta per continuare a fare quello che faccio, cercando di farlo al meglio, mi viene proprio dall’attrazione mai estinta per quello che posso trovare in un bicchiere.
Ad aiutarmi a spiegare le mie sensazioni e certe incertezze ho numerosi amici, la mia ammirazione per come siano in grado di trasmettere e decifrare quasi tutto di quello che provo è incondizionata.
Quasi tutto.

A volte, di fronte alle migliori prestazioni vinicole su piazza, o anche a vini mai assaggiati prima, figli di vitigni e territori a me sconosciuti, persino le parole che ho preso in prestito da generosi elargitori, non sono sufficienti.
Non è una sensazione spiacevole, tutt’altro. Basta accettarla.
Per terminare la mia esternazione alterata ho scelto e tradotto le parole tratte da un libro da me letto di recente nella versione originale. La mia traduzione è libera non letterale, mi interessava soprattutto rendere il senso dell’inafferrabile. Se ci sono riuscita, sono contenta.

“Quei fiori precoci avevano il profumo freddo dell’acqua. La loro fragranza non possedeva la pienezza ferma dell’estate; era un sentore minerale di verde, grezzo e fresco… Si avvertiva una fioca dolcezza mescolata alla mineralità fredda e tagliente, che scomparve non appena inalò più profondamente nella speranza di coglierla appieno.”
(dal libro “Tinkers” di Paul Harding – pubblicato in Italia da Neri Pozza con il titolo “L’ultimo inverno”)

Annunci

3 commenti to “Il senso dell’inafferrabile”

  1. Profumo dell’acqua, minerale grezzo e fresco, mineralità fredda e tagliente…

    Non sapevo che Francesco pubblicasse sotto pseudonimo opere in inglese… :-D

  2. Comunque proprio un bel pezzo. Bello perché vero: per me le sensazioni più piacevoli che il vino è capace di regalare sono proprio quelle più sfuggenti, flebili e ovattate; quelle che come ti distrai un attimo spariscono dalla percezione dei sensi e ti lasciano addosso una sorta di rammarico per non essere stato capace a coglierle e definirle meglio. Infatti i descrittori che si usano in questi casi sono sempre molto vaghi e sfumati, misteriosi. Questo è anche il motivo per cui amo sempre di più i vini barbaramente definiti “semplici”, perché sono quelli dove questo “suono di fondo” si avverte con più facilità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...