Stai sur porpo

attack of the octopus people

di Snowe Villette

DuCognomi cià penzato su e poi ha deciso de portamme a Niù Yorke, se sente sola e cià bisogno de quarcuno collo sguardo vergine e nun intasato de preggiudizzi come er lavandino dopo che er fijo suo s’è docciato.

Così ce semo arrivate, amo fatto tana drento all’arbergo scrauso ma ar centro der monno. De posti così ce ne stanno na cifra a Manhattan, so’ tutti cari assatanati, pieni de ggente che starebbe mejio a casa sua, ma questo nun deve da esse’ un post snobbe quinni me sto zitta.

La sera numero uno, prima de soccombe’ ar giet legghe, semo annate a magna’ quarcosa da ‘ste parti. Avemo camminato er giusto e semo finite ner posto sbajato.

Perché sbajato? Mo te ricconto.

Appena semo entrate no sciame de ggiovani promesse daa ristorazzione cià circondato. “Buonasera, benvenute, semo aperti da poco, prego procedete. Al piano de sopra ce sta er cibbo più tradizzionale, pe’ quelli che nun se fidano. A ‘sto piano ce sta spazzio pe’ chi ama l’avventura, i coraggiosi.”

Io già ciavevo er piede destro de fòri – come a di’ scusate ce semo sbajiate, fàmo la prossima vorta – ma DuCognomi che è mezza sorda ortre che ccecata ha fatto sì colla capoccia e lo sciame cià fatto accomoda’. Naturalmente ner posto dei coraggiosi.

Devo da spiega’ che questa è la zona de teatri, e mica de quelli da piottari. Da ‘ste parti ce recitano li mejio nomi, colla ggente che fa la fila de ore pe’ vede’ Iugg Giacmann che canta o Dustin Hoffmann (l’ho scritto giusto) che sibila o il Re Leone che ruggisce. Indi per cui è pieno de ristoranti che te fanno magna’ anche alle sei di sera, prima della prima.

È una locascion unica e tutti ce vonno esse. Anche questi che se so’ inventati er concetto de cucina giappo-francese e che se vede che cianno i sordi che je escono dalle recchie pe’ provacce vada come vada, che magari sfonnamo, sennò sèmo ricchi uguale.

Siccome che DuCognomi se sente grassa me ordina n’insalata e io je vado appresso.

Costa solo dodici dollari.

Arrivano quattro cubetti de zucca gialla appajati co’ quattro cubetti de barbabietola rossa, co’ intorno quattro caccolette de sarsa beige, ma che dico caccolette, so’ cacatine de passero che manco capisci di che sanno da quanto so’ piccole! Sopra ce stanno du’ fili d’erba.

Dodici dollari pe’ sta miseria? Se penzo ar marito de’ DuCognomi e alla sua insalata ricca che in tutto fa un euro se va bene me viè voja de tira’ fòri er napalm daa tasca, no i dollari.

Da bere amo scerto un Riesling che nun annava né de qua né de là.

Arriva er piatto forte, anche quello da coraggiosi.

Trattase de na soletta de porpo, bòna sì, la chiamano “terrine”, a me me ha fatto veni’ in mente er pòro porpo che pe’ sbajo s’è messo sulla portrona dove se siede mi’ zia che cià er culo grosso.

Costa solo diciotto dollari. Diciotto dollari pe’ na mattonella de porpo esangue e stremato dopo che zia ce s’è seduta sopra.

Er bagliore daa serata è stato ner bicchiere de vino greco che ce semo bevute. Vispo, particolare, co’ giusto quer tòcco de resina che ce aspettamo dai vini ellenici*.

Pe’ dilla tutta, avemo preso anche la crème brulee, de solito co’ l’amica mia nun ce se arriva ar dorce, ma pe’ fame ce semo arrese. Bé, la porzione più abbondante de tutta la cena, pure bbòna. Ce stava er gusto de Miso, che se poco poco magni giapponese te tocca sempre, er Miso te lo ficcano drento tutti gli anfratti, sennò de che stamo a parla’?.

Ho chiuso gli occhi quando DuCognomi ha pagato er conto, tanto ce lo so che cià pure aggiunto na mancia, perché quello più arto doo sciame sembrava er fijo suo somaro e l’amica mia cià er core come no scolapasta, butta amore da tutte le parti.

Uscendo ce semo guardate. No sguardo che valeva più de mille parole “Questi sono aperti da poco, ma ce sta poco che chiudeno.”**

La sera numero due ce semo rifatte. Avemo cercato su gùgol un wine bar e ce ne stava uno poco lontano, vini der Sud Africa e cibo pure de lì. Bene, ce semo dette, quarcosa che sa de antilope dopo tutto ‘sto pesce. Er probblema è che nun l’avemo trovato. Cammina de su e de giù, ‘sto posto nun se vedeva. Forse gùgol nun s’è aggiornato o gli afrikaaner so’ stati esonerati daa la concorrenza dei latinos der quartiere.

Fattostà che dopo aver fatto tre vorte la strada anda e rianda come ner miglio verde, ce semo adeguate pe’ emergenza fame. Amo scelto un posto italiano.

Beh, che t’ho da di’? Cié annata de lusso.

Guarda un po’ come antipasto amo scelto l’insalata de porpo, ma stavorta il mollusco nun era spiaccicato manco un po’. Pe’ dieci dollari ce semo magnate tutte le estensioni e la capoccia der soggetto, ancora bello polposo (l’ho scritto giusto) e saporito, co’ na signora insalata e nun solo du’ fojette a contorno. Pe’ sposallo amo scelto un Verdicchio***, spaziale anche se servito drento un bicchiere da osteria anni Cinquanta che da noi ce vergognamo, ma qui fa tanto trend. I nuiorchesi che vanno a teatro se sbrodolano a pensa’ che stanno a beve er vino come gli italiani che vanno in trattoria e cianno l’unghia der mignolo lunga quanto er dito de ET.

Imbenzinate, ce siamo sbafate anche le sardine en saor, che io delle sarde così XXL ciò da vedelle, ma si sa che in America è tutto esaggerato. Pe’ fallo strano, le costicine de agnello erano proprio small, nun le solite ròte da paracarro de ‘ste parti. Avemo lavato er palato co’ na Barbera, bòna ma nun come er Verdicchio di cui sopra.

DuCognomi ha pagato e ha lasciato la business card der lavoro suo. Questo è un posto**** che vale la pena stacce, m’ha detto, poi s’è accesa na sigaretta.

Io no, nun fumo e manco me faccio più le canne, tanto co’ l’amica mia viaggio lo stesso.

*Santorini 2014 – Hatzidakis
** Bar Seki – 365 W 46th Street, New York
*** Verdicchio Villa Bucci 2013
**** Aria, 365 W 51st Street, new York

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...