Questi fantasmi

Panni

di Snowe Villette

Stàmo a diventa’ seri, ma propio seri seri. Pòle esse’ che se tratti daa sindrome post traumatica pella pandemia (SPTPP), pòle esse’ che noi Millenials aamo da fa’ diverso daa generazzione precedente che ballava sur Titanic ebbasta. Pòle esse’ quer chette pare, ma la serietà avanza a zompi da ghepardo.
Solito Coso ieri me fa “Ma tu ce riesci a sta’ seria almeno una volta a settimana?”.

S’è preso na pernacchia subbitanea e mo so’ già ventitre ore che nun me chiama.
Per fortuna ce sta er Sor Wilde, Oscar Wilde. L’unico colla licenza de uccide verbalmente, l’origginale che vanta milioni de citatori, tirato pella giacchetta quanno nun se sa che scrive’.

“La serietà è l’unico rifugio dei superficiali.”

Capito? Io che so’ la cazzona, la rozza de penziero e dde maniere, quella che invitano quando so’ tredici a tavola però ciò da sta zitta. Io che quer poco che so lo devo a DuCognomi e il resto che manca è ancora troppo. Io, grazie all’anima santa de Oscar, scopro de esse’ più profonda de tanti che fanno aa voce scura pe’ parlatte doo sviluppo dee mercati asiatici pel vino italiano, o daa agricoltura come atto politico, o daa comunicazzione italiana che sa na sega lei e invece li francesi so’avanti come ar solito.

Tutta robba bbòna e giusta, me nun ce sta bisogno de dillo come er messaggio sur Monte Oreb*.
Se parla de vino no de plasma pe’ chi sta a mori’ sur serio.
Me so’ fatta sospettosa su chi me vòle spiega’ mejo, chi me vole converti’ ar pensiero suo e lo fa senza manco n’anticchia de sorriso.
Pe’ correttezza aggiungo che sto mettese en posa è gender free, maschi e femmine o come je pare nun c’è differenza, so’ tutti antipatici uguale.

Giuro sur gatto de mi’ zzia che me ce metto de buzzo e de buono a studia’, me so imparata che la parola podcast nun cià connessione cor pedicure ma se tratta dee sistema pe’ spiegatte tutto mentre stai a sbaccella’ li fagioli pee la zuppa. Me ce interesso ma ce ne fosse uno, dico UNO, che se presenta e te spiega senza sentisse professo’ de questo e de quello. Così me viene da fa’ come a scòla quanno dar fondo daa classe facevo gira’ volantini sovversivi der tipo “che je frega ar Vaticano de quanto noi scopiamo” (ora di religione).

Vojo di’, più uno se cerca de prendese sur serio e più se confonne co’ tutti li altri seriosi, così alla fine se perde’ la voja d’ascoltallo. Parlo pe’ mme che so’ la minoranza daa minoranza minore.
La maggioranza invece sbava e chiede ”serietà, serietà” colle mani arzate come li poracci dietro li cancelli de Versaije**che urlavano “pane, pane!”

Quanno er fantasma de Oscar Wilde se mena co’quello de Catone er Censore nun è detto che a vince sia er primo.
DuCognomi puro lei nun è esente dar peccato de serietà, ma tocca capilla come vecchia babbia je viene er fricciolo de’ sentenzia’ pelle Giovani Leve che sanno de tutto e dde più ma cianno soggezzione daa amica mia. Poi però se pente e se zitta, ce n’annamo drento la cucina sua a beve quarcosa de bbono e ce famo du’ risate. Quarche volta ce sta puro Shameless che come dice er nome suo nun se vergogna de gnente, o quasi.

Mo, scusate, ar limite daa ventiquattresima ora Solito Coso s’è svejato, e me tocca risponne su uotsapp.
Tanto quer che ciavevo daddi’ l’ho scritto, a modo mio ma ce sèmo capiti uguale.

*Er pizzo der monte indove Nostro Signore dettò ar Sor Mosé – che sapeva conta’ solo fino a dieci – li Comandamenti che se li ricordate tutti a memoria siete più bravi de me.

**in italiano si traduce Versailles, sembra anche in francese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...