Il Clos de la Roche dell’anima buona

di Fabio Rizzari

Una sera di autunno un’anima buona ti offre un Clos de la Roche 2010 di Chantal Remy, e vieni trasportato in una strada di Bagdad del 399 d.C. Una strada piena di banchi di venditori di essenze. Il viaggio nel tempo è possibile, basta che il grado alcolico nel sangue tocchi gli 0,3 grammi per litro; rimanendo entro il valore di legge di 0,5 qualora uno debba poi condurre un mezzo meccanico.

Un detto cinese recita più o meno: “ringraziare significherebbe sminuire il dono”. Parafrasando, scomporre la nuvola di aromi del Clos de la Roche 2010 di Chantal Remy in lunghe risultanze notarili da scheda di assaggio – ambra, caolino, fava Tonka, Romilda, Jerry, aspic di petali di rosa, pellame conciato, e simili: un esercizio che è il marchio infallibile del degustatore mediocre – significherebbe sminuire la sua bellezza.

È proprio dei vini di simile bellezza regalare un passaggio fugace, dei segni effimeri, iridescenti. Dopo qualche tempo, indefinibile nel ricordo ma credo intorno alla mezz’ora, quella fontana di profumi si è lentamente attenuata. Ha iniziato a scintillare un po’ meno.
Non così nel ricordo.

A luglio mi chiedevo: è un caso, oppure i vini di quella regione, in generale, hanno davvero meno sviluppo aromatico di una volta? Anche loro hanno regalato un passaggio storico fugace, dei segni effimeri, iridescenti, e oggi sono un’altra cosa?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...