Alcvne ricettine d’orso – 3

aaa

di Federico Maria Sardelli

Cazzo d’orso ai fvnghi

Io, di questa stagione, son solito provvedermi di funghi porcini che sul mercato si trovano a buon prezzo, e scelgo gli esemplari più grossi e compatti, ma che non sian molliconi. Presi i funghi, fatevi levare dal vostro macellajo un bel cazzo d’orso del peso d’un chilogrammo e mezzo circa che quel briccone non abbia fatto troppo frollare, ché son carni queste da gustarsi più dure che molli. Presi dunque e puliti colla sola lama del coltello i funghi porcini, fate un battuto di aglio, cipolla e ramerino e fategli prender colore in una cazzaruola ove sfrigoli un pezzetto di burro.

Gettatevi i funghi ben netti e fategli pigliar l’unto, ché s’insaporiscano bene; in quest’intinto adagiate il cazzo d’orso ben pilottato con lardelli di lardone e tiratelo a cottura per lo spazio di un’oretta circa, sorvegliandolo spesso perché non pigli d’attaccato ed aggungendo di tanto in tanto qualche mestolo di buon brodo. Questo muscolo capriccioso vuole essere a lungo manipolato se lo volete crescer di volume e far comparire sontuosamente.

Levatelo infine col suo unto e mandatelo in tavola guarnito di prezzemolino e timo; ma vi avverto che il timo è aroma che non a tutti riesce grato, e può stomacare. Questo piatto io lo servii a un desinare di dieci signore, tutte vedove della guerra di Crimea e suore Orsoline, che se lo contesero fra mille feste.

Annunci

One Comment to “Alcvne ricettine d’orso – 3”

  1. Capolavoro… ehm… culinario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...