Tana libbera tutti

di Snowe Villette

Adesso che se stanno a apri’ li cancelli me viè quasi lo spliin de cui parla quer poeta che nun me ricordo come se chiama, ma l’ho studiato.

Esco alla luce der sole dopo na mesata spesa a guarda’ lo schermo, che ciò li occhi come du tazze de caffellatte, e a magna’questo e quello e quell’altro, cibbo diggerito e stratificato più de sotto che de sopra, perché le sise nun so’ cresciute, solo le chiappe.
Ma tanto sèmo tutti così quinni nun me lamento.

Dar punto de vista esistenzziale so’ peggio de prima, no mejo. La corpa è der divano e de quello che ce sta de fronte, cioè Netflix.
Me so vista sta serie e quell’artra, na cofana de trash de morti ammazzati e amori sbajati.
Er peggio der peggio a guarda’ tutte le staggioni de tutto, è soffri’ pe’quello che la ggente se magna, chi me legge ce lo sa quanto so’ sensibbile ar cibbo e derivati. Se tratta de n’analisi sociologgica, nun solo gastronomica.

Pe’ ddi’, a studia’ l’offerta dee serie americane, se capisce che gli assassini seriali, li maschi alfa, li detentori der patrimonio testosteronico, magnano tutti carne rossa coperta de zozzerie. Burger o bistecche o costolette, basta che siano bruciati e che se possano morsica’ coi dentacci che se ritrovano tutti, che li dentisti lì so’ billionari.

Quelli bòni, li detective, li poliziotti – che poi adesso pe’ correttezza so’ tutte femmine e multietniche – magnano zozzeria puro loro ma de quella cinese che pijano ar teikeuei (o come se scrive). Oppure je sòna er campanello de casa e nun è er postino ma er cascherino* colle nuudles (o come se scrivono).
Li regazzini, quando nun corrono pelli boschi scappando da pericoli pericolosissimi, se sformano de tacos e burritos.

La pizza è trans, ner senzo che va bene a tutti de tutte le razze, basta che sia coperta a scelta de pommidoro geneticamente modificato, mozzarella de plastica, ananas illegale, peperoni crudi, parmiggiano avariato.

La nazzione più potente der monno se sfonna de schifezze.
Gli unici che diggiunano so’ quelli che se amano o vojono fa’ sesso senza impegnasse perché nun cianno tempo, manco se lavano dopo, se rimettono le mutande e ciao core!

Tutti, se magnano seduti ar tavolo normale de casa o ar ristorante e no drento na macchina o de corsa prima de spara’, inchiodano li gomiti e impugnano la forchetta come mi nonno la zappa. Tutti, pure quelli colla sala da pranzo de ducento metri quadri. Le donne pe’ fa’ le raffinate bevono colle mano ungulate abbarbicate ar calice, torcendo li polsi pe’ nun alza’ er gomito inchiodato peggio de Cristo in croce.

Io so’ coatta, ma l’amica mia m’ha imparato bene, pe’ questo ce faccio caso a l’etichetta.

Pe’ divagasse daa plebe, ce stanno li programmi de chef supremi, quelli che te spiegano che vordì “esperienza”, cioè nun venì ner ristorante mio pe’ magna bene, ma per piacere der quasi gnente ner piatto e der quasi tutto drento la capoccia. Se nun lo capisci so’ cazzi tua, ce dovevi penza’ prima e anna’ a magna daa Sora Cesira e nun da me.

Se chiama avanguardia, e a vede’ certi piatti costruiti cor cesello, certi cibi a indovinello che te sembra na fragola e invece è carne de porco scolpita, me viene da penza’ ai musei contemporanei che drento sale mezze vòte nun cianno quadri o sculture, ma installazzioni d’arte povera o poverissima o proprio pezzente.

Comunque mo se po’ usci’, e pazzienza che se trovano le peggio perzone, te stavi appena a dimenticalle e quelle, zac!, rispuntano come li zombi la notte de allowiin. Li vicini de condominio, er muratore arrapato, la signora cor cagnolino che piscia e caca come je pare, li ciclisti ner mezzo daa strada, la ggente inzomma che a vedella da lontano te sembrava parente tua naa disgrazzia, ma quando la rivedi dar vivo te schifa come prima daa pandemia.
Se po’ usci’ e fa finta che se sta a torna’ normalmente stressati.

Se po’ usci’ e penza’ che poi la vita nun è che faccia schifo der tutto, solo abbastanza.

  • Garzone che fa le consegne a domicilio (vernacolare).

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...