Delirio di Ferragosto

chinotto

di Snowe Villette

Sto giro de ferie forzate me lo faccio a Roma Nord, quella de quelli ricchi. La casa è de mi’ cugina e pure il gatto, che devo controllare che la bestia magni e beva e non vada a giro pe’ gatte. Me sembra che nun c’ha voja pe’ gnente de fallo, sta steso ventitre ore e mezza e se move solo er giusto. Come me, famo a gara a chi se move de meno.

Ma l’amica de Shameless co’ due cognomi m’ha dato l’incombenza de scrive un post de Ferragosto “tanto non legge nessuno questa settimana, scrivi quel che vuoi” m’ha detto. E così sto qua che me sforzo de trova’ un soggetto nobile pe’ l’Accademia, sennò poi quelli tornano e me menano e me bannano pe’ sempre. Però quanno je servo me chiamano uguale, pure col vernacolo pomeziese-ostiense.

Io vorrei sape’ chi c’ha il coraggio non dico de beve, ma anche de scrive de vino co’ sto caldo. Vojo dì, da ste parti è tutto chiuso, i bar e i ristoranti e i tabacchini e gli alimentari. Pe’ fa la spesa me tocca anna’ a Termini che me piacerebbe pure così multirazziale etnica, ma anna’ in metro è da suicidio, da morte sicura per asfissia colla puzza de’ corpi etnici che ce sta, che Calcutta me fa ride a confronto.
Sto a divaga’.

Io non bevo vino a Ferragosto, quinni ve scordate che ne scrivo. La birra me fa schifo da quanno me so’ bevuta na cassa de Peroni co’ Ciaka Mortero famoso rappista.
I coctails so’ n furto, tutto ghiaccio e frutta avariata più du’ foje de mentuccia, sprizze compreso che quanno va bene sa de caramella e te costa na cifra e mezzo e ne devi bere na marea pe’ sentirte na figa de’ quartieri alti.

Che ce resta? Questo ce resta, la mejo bevanda senza alcol che ce sta su piazza, quello che ai tempi de mi’ madre c’era in tutti i bar come il jiù boxe e il calcio balilla e poi se n’è annato e ora è tornato pure sulle spiagge più famose de Ostia Lido.

Sto a parla’ der CHINOTTO, ma de quello vero no quello der santo pellegrino che sa de coca amara così butti aria fuori dalla bocca* sonoramente e amaramente e finisce tutto lì. Il Chinotto autentico italico antico originario se chiama Neri, maschio e deciso che non chiede mai, o Laurisia che è più delicato, pulito, anche ghei ma bono, bono.

E poi ce ne sta n’artro che m’ha portato l’alterata finta nobile dalla Sicilia, na cassa de bottije che so’ già finite. Se chiama Tomarchio e se lo trovate a giro nel continente pijatelo e bevetelo, regalatelo a chi vole sapere de che sa il chinotto. Se no ve lo dico io de che sa: sa de sole e appena de mandorla amara, sa de terra bianca e vento caldo, sa de occhi scuri e de voja de mare. Te fa passa’ la sete ma no gonfia’la panza.

Pe’ finì, e da sola questa basta come ragione pe’ beverlo, ce sta daddio colle alette de pollo speziate de la rosticceria der Tiburtino Terzo, l’unica aperta nel Lazio la settimana de Ferragosto.

* Se capisce che volevo scrive “ruttare”?

Annunci

One Comment to “Delirio di Ferragosto”

  1. Te stimo fabbiè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...