Detox populi detox dei

cura dimagrante

di Snowe Villette

Ce capita a tutti de guardasse allo specchio e sentisse na schifezza. Na specie de brutta copia de noi stessi, colla pelle gialla e du’ borse sotto l’occhi che la Raianair te le farebbe mette’ ner bagajo daa stiva. Tutti l’anni de sto periodo a disse “mo basta, me metto a dieta, me detossico.” Buoni propositi a portata de tutte le tasche. Pure quelle vòte della sottoscritta.

Alla fine se tratta de nun magnà e beve solo acqua. Per “nun magnà” s’intende lassà perde grassi, dolci, carboidrati. Gnente formaggio, carne rossa, sugo, sale, pepe, fritti. Che ce resta? Un cucchiaio de olio al giorno pe’ n’insalata anemica e pesce bollito che manco er gatto lo vòle. Dopo du’ settimane semo un poco più magri e morto più depressi.
E poi bere tanta acqua, tanta che te fa eliminà le tossine e nun ce la fai a uscì de casa che già te scappa la “plin, plin” come a li cani.
Armeno se risparmia, enfatti li poveri veri so’ tutti magri.

Anche certi ricchi so’ magri. Quelli che se fanno er detox nelle SPA – che ner linguaggio anglouniversale nun vor dì società per azioni, ma centro benessere, e io me chiedo ma come se fa’ a sentisse bene se se magna da schifo? -.

Ce vanno a fasse torturà da medici avidi de sordi e paramedici con passato de nazisti/stalinisti. Stanno lì tutti contenti de spenne sordi pe’ magnà er passato de carote avariate e fasselo propio mette’ in quel posto cor tubbicino. Questo è un sistema nato, me sembra, nella mente perversa d’un medico austroungarico. Gli austroungarici hanno regalato ar monno generazzioni de pazzi travestiti da medici, nun ce sta nisuno che conosce mejo la pazzia de un pazzo.

Praticamente t’infilano un tubbicino su per quelle parti e poi te schiantano una sostanza che disincrosta mejo de Mastro Lindo. E tu – ricco e deficiente – sei tutto contento perché te senti pulito e disincrostato, e alleggerito più der tuo portafoglio. A mi nonna je bastava una pera de gomma arancione. Ce dava dentro co’ tutti li nipoti ed era una gara a chi smaltiva de più. Tutto aggratisse.

Pe’ tornà a sto periodo de magra, noi esseri umani normali ce la mettiamo tutta a cerca’ de trovacce accettabili davanti allo specchio. Nun ce riusciamo quasi mai, ma armeno ce proviamo, questa è la vita.

Il vero problema è de riuscì a spurgasse la capoccia. Scrosta’ i pensieri negativi, rimanna’ ar mittente le vibrazzioni malate che arzano er livello de colesterolo esistenziale ortre i limiti de sicurezza. E come se fa, se nun se po’ beve quarcosa de bbono, speciale e genuino? E manco fasse na canna perché DuCognomi me guarda male?
Ce resta la musica, l’arte, e anche que resto che è mejo che nun lo scrivo.

Se ve sembra un post anche peggio der solito me scuso, ma so’ du’ giorni che nun magno, bevo solo acqua, nun fumo e quel resto me lo sto a dimentica’.

Però lo specchio me sta a dà quarche speranza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...