Empreinte*

di Raffaella Guidi Federzoni

Da noi si beveva quotidianamente rosso toscano. Da settembre fino circa a Natale in fiaschi confezionati dalla mamma con l’aiuto della sottoscritta, imbottigliando il vino sfuso comprato in Maremma poco prima del rientro a Roma dopo le vacanze. Per Natale e Capodanno erano d’obbligo il Lambrusco e l’Asti Spumante, il primo piaceva alle nonne, il secondo ai bambini. Passate le feste, arrivavano in tavola fiaschi di Chianti di qualità mediocre comprati a prezzo molto contenuto. Nei due mesi estivi si depredavano le casse di Bianco della Cantina Sociale di Locorotondo, bottiglie ordinate da papà e bevute da me e da mio fratello rimasti in città a far finta di studiare o lavorare.

Questo è stato il mio prolungato battesimo enoico. Se mi dovessero processare per scarsa palatitudine , porterò i miei primi due decenni degustativi  come prova, sperando che ciò alleggerisca la sentenza finale.

Siamo figli dei nostri genitori, ogni tanto c’è una generazione di rottura, mi farebbe piacere rappresentarla, ma so che non è così.

Quando cominciai a lavorare nel mondo vinoso avevo quindi un palato già formato, per quanto malamente,  ed il muovermi fra cantine dove imperava il Sangiovese non ha fatto che accrescere la mia tendenza a giudicare un vino usando quel vitigno come punto di riferimento. Non solo, era il Sangiovese di Montalcino che fu e che adesso sta rinascendo, dopo anni di spinte verso concentrazione, potenza steroidea, sfruttamento del “tutto subito”. Sono per questo propensa a vini lunghi ed apparentemente smilzi, che si rivelano con calma e richiedono uno sforzino iniziale. La larghezza ed abbondanza di forme, non necessariamente sbagliate, mi spiazza.

L’impronta iniziale condiziona molte delle nostre scelte e dei nostri giudizi. Chi si occupa di assaggiare il vino e raccontarlo in modo professionale, se lo fa bene, è perché ha messo da parte la sua formazione di partenza, ha allenato il palato ad esperienze diverse, persino contrapposte. Addirittura ho conosciuto  bravissimi degustatori astemi. Persone in grado di sezionare un vino e poi ricomporlo senza esserne schiavi del piacere di berlo. Estremi che non auguro a nessuno.

Una categoria a parte sono certi produttori, non necessariamente da generazioni e non necessariamente anziani. Nonostante abbiano il palato formato dalla frequentazione quotidiana con la loro cantina, riescono ad indovinare l’essenza e l’anima di un  vino totalmente diverso in modo impensabile anche per il critico migliore.

Non è il mio caso.

A me piace bere il vino, con sempre più moderazione a causa dell’età. Posso dire di aver raggiunto un livello di apprezzamento superiore alla media umana e quasi paritario a quella eno-disumana di chi è del mio ambiente.

Sarebbe interessante leggere qualche racconto iniziatico di chi ora corrisponde in modo alterato in siffatta accademia.

 

  • Ho scelto il termine “Empreinte” invece che “Imprinting”  perché è il nome di un profumo di Courrèges che marcò la mia iniziazione adulta al mondo seduttivo dei parfums femminili, oggi chiamati dissennatamente “scents”, o peggio “fragrances”.

 

Annunci

3 commenti to “Empreinte*”

  1. l’unico modo di andare oltre la formazione iniziale, che tutti in qualche modo hanno, oppure il vissuto quotidiano dei propri vini o dei vini della propria zona, e’ studiare.
    Uso la parola studiare non a caso, perche’ ci vuole dedizione, anche un po’ di sacrificio nel superare la noia di alcune nozioni e fatti che si devono conoscere.
    Naturalmente tutto questo non e’ necessario alla maggior parte delle persone che si intessano di vino, specialmente quelli che non lo fanno per mestiere. Per quelli che col vino ci vivono invece, una conoscenza approfondita e “sudata” puo’ aprire strade e idee prima insospettate, e aiuta molto il lavoro, e il gusto di apprezzare il vino sotto nuovi angolazioni.

  2. Una volta ero astemia.
    In estate venivo svegliata dal tichettio della tazza di mio padre che si preparava lo zabaglione con le uova fresche e il Marsala. Poi tutti insieme a raccogliere le pesche , io che racimolavo i soldi per andarmene in vacanza svuotandoi cesti e le donne che raccoglevano la frutta per fare quadrare il bilancio di casa. Le estati andavano avanti stordita dai profumi della frutta matur, studiavo agraria perchè era l’unico mondo che avevo visto assieme alla montagna dove andavo a camminare convulsivamente.
    Continuavo ad essere astemia.
    Mio padre cambia azienda e mi trovo dentro ad una cantina , incontro le prime vasche di vetroresina e scopro che il mosto di Trebbiano sapeva di mela golden , così vado avanti nelle mie scoperte , vado a Conegliano, e torno a casa quasi enologo.
    Nel 1988 smetto di essere astemia per colpa di un Cabernet del Piave che sapeva di fieno bollito al sole .
    Cosi’ vado avanti e non smetto mai di meravigliarmi di quanta natura ci può essere dentro ad un bicchiere.
    Domenico quando ha chiesto la mia mano mi ha regalato una bottglia di Chanel n°5 perchè gli ricordavo io ed il profumo di pesche.

  3. Se uno non beve, il vino lo potrà capire fino ad un certo punto. Non fosse per la relazione tutt’altro che banale fra gli aspetti degustativi e l’effetto dell’alcool sul cervello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...