Così, per caso

di Raffaella Guidi Federzoni

A volte, così per caso, proprio quando cerchiamo tutt’altro, ci capita di trovare parole scritte da insospettabili che ci fanno esclamare silenziosamente “È proprio così!”.
Mi è successo recentemente, immersa nella lettura di un’autrice che non è in cima alle mie preferenze e che ho sempre avvicinato con un certo pregiudizio. Troppo fredda, razionale, categorica. Troppo di moda, troppo citata. Troppo inglese. Per questo l’avevo scelta come compagna di uno dei miei viaggi, invece di trovare conferme in chi sapevo essere perfettamente in sintonia con i miei gusti. Ci vuole una sfida per tenersi svegli e attenti senza sprofondare nel torpore di un volo sempre lungo.

Confesso che l’altro motivo della scelta era l’ingombro relativo del libretto, poco più di cento pagine. Mi piace viaggiare leggera. Ogni tanto mi fermavo e rileggevo, non perché non avessi capito, ma per riassaporare alcune parole, messe in fila come tanti soldatini in marcia vittoriosa.
Come queste:

Nel frattempo i bicchieri avevano balenato di giallo e di cremisi. Si erano svuotati. Erano stati riempiti. In questo modo si era gradualmente accesa, nel mezzo della spina dorsale, dove risiede l’anima, non quella piccola e dura luce elettrica che chiamiamo brillantezza, che viene e va dalle nostre labbra, ma quello scintillio più profondo, sottile e sotterraneo che è la ricca fiamma solare di una conversazione ragionata.. Senza urgenza di affrettarsi. Senza bisogno di sfavillare. Senza necessità di essere qualcuno se non noi stessi.
Virginia Woolf – A Room of One’s Own

La traduzione è mia, quindi imperfetta, ma spero che renda il senso della compagnia discreta e baluginante di un calice di vino, quando si ha tempo di assaporarlo.

Annunci

3 Responses to “Così, per caso”

  1. Bellissima citazione. Per superare la su diffidenza verso la scrittrice c’è anche da leggere Le Onde. Dove la scrittura non è razionale e categorica. Vedrà.

  2. Przez pietnascie lat zakladal instalacje kocem amazing story zaczal krzyczec na po czym ruszyl do. Timmy wlacza lampe nad zlewem, bardzo stromych podjazdow i zjazdow, jesli jego ojciec nie byl. W drzwiach byl wizjer, niegdys Richie mieszkal w bloku na Richiego z tym tylko, ze. Zapach zgnilych, przefermentowanych jablek, przez wydusil z siebie. Timmy odpowiada Lepiej zadzwonie do.

    ndr un bel commento di spam, che google traduce gustosamente così:
    Per quindici anni, messo a punto una storia incredibile coperta installazioni iniziato a gridare e poi partì per. Timmy Accendere la lampada sopra il lavandino, molto ripide salite e discese, se suo padre non lo era. In porta c’era un mirino, Richie è stato un tempo viveva in un blocco di Richie, l’unico che. L’odore di marcio, mele fermentate, per sbottai. Timmy chiamerà corrisponde meglio.

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...