Me’ Kooyong!

degustazione in un altro continente

di Rizzo Fabiari

Alcuni giorni fa, riunione alterata presso l’ormai notissima trattoria romana da Cesare. Stavolta è toccato a Nelle Nuvole portare i vini. “Stagnolati”, precisa dopo aver rincorso mentalmente il termine, “e non impressionanti come credenziali”. Il primo in effetti non fornisce alcun appiglio per farsi apprezzare né tantomeno per farsi riconoscere. Pulitino, profumatino, equilibratino, potrebbe essere un qualunque bianco prodotto nel quinto pianeta del sistema solare. Scoperta la bottiglia, siamo comunque grati a Raffaella: taglio di chardonnay e viognier, Alma Dalton Winery 2010 è stato il primo bianco della Galilea mai provato.

Il secondo si rivela ben più intrigante. Profumi varietali di pinonero, irrobustiti da una corrente odorosa esotica (pepe, spigolo di barca in legno tropicale, opossum) che fa subito virare le deduzioni verso l’estero, uscendo dai confini anche europei. Gusto di ottima densità ma privo di pesantezza, bella dinamica, finale pacificato, meno eroico, ma nondimeno lungo. Scoperta la boccia, niente Oregon, niente Moldavia, niente Nuova Zelanda: si tratta del Ferrous Kooyong 2010, rosso australiano della Mornington Peninsula.

Giancarlo, nella sua finissima sintonia borgognona, lo apprezza ma resta cordialmente sulle sue; Giampaolo ed io (Armando era a casa bronchitico) siamo più convinti: una via originale, non borgognocentrica, al pinonero. Anche fuori dei sacri recinti della Cȏte d’Or – e della Francia in genere – c’è vita pinoneresca.

Annunci

5 commenti to “Me’ Kooyong!”

  1. Alcune informazioni supplementari:

    – il primo vino è prodotto dalla Dalton Winery, Israele. Si tratta di un blend di Chardonnay e Viognier riportante il nome di ALMA, l’annata è il 2010. Tappo di sughero. Il prezzo non lo so, mi è stato regalato e in Italia non è distribuito, che io sappia.

    – Le credenziali del secondo vino corrispondono a quanto scritto da Rizzo. Tappo a vite. L’azienda produce diverse etichette di Pinot Nero, ognuna da un vigneto diverso. Questo mi era sembrato il più interessante. Nessuna intenzione di confrontarlo con la Sacra Borgogna, ma di considerare un tipo di produzione australiana diversa dagli stereotipi genere “yellowtail” o.
    Non credo che sia distribuito in Italia, nel Regno Unito ha un prezzo più o meno rispondente ad un Brunello di Montalcino (per esempio il mio).

  2. これらは唯一の情報が、閲読袋。いろんなタイプのそれは、あなたが必要な情報収集、もしあなたの最優秀選択を購入したい。インターネットを利用して多くの文章を読むと異なるタイプの旅行バッグと評論して様々な種類を振り返るように鞍革詳細情報は鞍革ダフ利袋。知っているのは教育を受けて、家に帰ってあなたと最高の袋。袋に同様の機能は1つの典型的なノートパソコンバッグに、他の機能を提供する。主な違いは更に多くの空間がノートパソコンにロール袋。

  3. C’illumina googletrad:
    “Queste sono le uniche informazioni, borsa di lettura. Si raccolgono le informazioni necessarie, molti tipi di essa, si desidera acquistare la scelta migliore se. Maggiori informazioni sella in pelle cuoio borsa interesse Duff a guardare indietro sui vari tipi di diversi tipi di borse da viaggio e critici leggere le molte frasi che usano Internet. Educato, conosce la migliore borsa per andare a casa con voi. Un computer portatile tipico in un sacchetto, una funzionalità simile fornisce un altro sacchetto. La differenza principale è un sacco di spazio sul vostro rotolo portatile borsa ulteriormente”.
    Grazie del contributo, signor カルロ·フェラーリ . Lei sta peggio di noi.

  4. Quelo, ha scritto con l’occhio vitreo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...